Subentro

Il subentro, a differenza della voltura, è l’attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente in seguito alla cessazione del contratto del cliente precedente, che ha richiesto anche la disattivazione del contatore.

Per presentare la richiesta di subentro è necessario recarsi presso gli Sportelli Gelsia provvisti di:

  • Titolo attestante la proprietà/regolare detenzione o possesso dell’immobile (es. contratto di locazione) o Dichiarazione sostitutiva di tale certificazione;
  • (per i soli clienti domestici) Autocertificazione residenza anagrafica;
  • Modulo dati catastali;
  • (eventuale) Delega.

Nel caso in cui all’atto della richiesta di subentro, risultassero situazioni di morosità pregressa nei confronti di Gelsia in capo al precedente intestatario della fornitura sul medesimo POD (energia elettrica) o PDR (gas naturale) Gelsia non potrà richiederne il pagamento al soggetto volturante/subentrante, nemmeno in presenza di punto di fornitura chiuso o sospeso.

In caso di morosità pregresse Gelsia può richiedere al volturante/subentrante, che si dichiari proprietario o locatario dell’immobile presso cui sono siti il POD/PDR oggetto di voltura, di compilare e firmare anche la “Dichiarazione di estraneità al debito del precedente intestatario”. Gelsia, in presenza della predetta Dichiarazione sottoscritta dal richiedente la voltura, nulla può pretendere dallo stesso in ordine alle morosità pregresse del precedente intestatario della fornitura.

Per la richiesta di subentro, Gelsia entro 2 giorni lavorativi dovrà trasmetterla al distributore. Il distributore, a sua volta, deve provvedere all’esecuzione della prestazione di attivazione del contatore entro 5 giorni lavorativi nel caso dell’energia elettrica ed entro 10 giorni lavorativi per le forniture di gas naturale.

I costi del subentro sono:

Gas naturale (Tutela e Mercato libero)

  • 30 € per contatori fino alla classe G6 e 45 € per contatori superiori alla classe G6, così come addebitato dal distributore locale.

Energia elettrica

  • un contributo fisso di 25,81€ per oneri amministrativi;
  • un corrispettivo per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti (23€).

Gelsia può comunque richiedere al cliente, al momento della conclusione del contratto, un deposito cauzionale o altra garanzia e, nei casi previsti dalla normativa fiscale, il pagamento dell’eventuale imposta di bollo.